Indietro

Perché le piante carnivore hanno iniziato a mangiare gli insetti?

Perché le piante carnivore hanno iniziato a mangiare gli insetti?

Le piante carnivore hanno suscitato un certo fascino nel mondo vegetale per il loro aspetto e le loro abitudini. Si pensi soprattutto a tutti i colori, ma anche al fatto che si nutrono di carne (insetti). Vi siete mai chiesti perché una pianta carnivora abbia iniziato a mangiare insetti? Nel nostro blog ci addentreremo nel mondo delle piante carnivore e lo esploreremo. In fondo, vorremmo scoprire insieme a voi perché una pianta carnivora si nutre di insetti.

Le piante carnivore, che forse conoscete anche con il nome di pianta carnivora, si è evoluta in una zona in cui il terreno è molto povero di sostanze nutritive. Pensate, ad esempio, a una palude. Queste aree, ad esempio, sono povere di azoto, di cui le piante hanno un disperato bisogno. L'impossibilità di trovarlo in queste zone ha fatto sì che le piante dovessero adattarsi ed evolversi necessariamente, oppure scomparire negli anni a venire. In questo caso, quindi, la pianta carnivora ha scelto di evolversi e di non ricavare più i suoi nutrienti dal terreno, ma dagli insetti e, in alcuni casi, anche da piccoli mammiferi, come i topi.

Cosa spinge un organismo a evolversi?

Con la sua evoluzione unica, la pianta carnivora è una bella e affascinante testimonianza di come gli organismi viventi possano adattarsi al loro ambiente. Questo per il bene della loro sopravvivenza. Ora vi forniremo alcuni esempi di fattori che hanno contribuito all'evoluzione di questa pianta.

  • Carenza di nutrienti: In un'area con terreno povero di nutrienti, come le paludi, una pianta carnivora si è evoluta a tal punto da poter ottenere i nutrienti da fonti alternative.
  • Insetti come cibo: un insetto è incredibilmente ricco di azoto, ma anche di altri nutrienti importantissimi per la crescita di una pianta. La cattura e la digestione di questi insetti sostituisce di fatto la mancanza di nutrienti nel terreno.
  • Nessuna competizione diretta: cosa intendiamo con questo? In natura, le piante sono sempre in competizione tra loro per ottenere il maggior numero possibile di sostanze nutritive dal terreno e crescere. Una pianta carnivora non rappresenta una competizione per la pianta in generale, poiché trae il suo nutrimento dagli insetti e la maggior parte delle piante non si trova su un terreno povero di sostanze nutritive.

Le trappole della pianta carnivora

Nel corso degli anni, la pianta carnivora si è adattata a qualsiasi ambiente povero di nutrienti, producendo moltissime trappole diverse. Questo, ovviamente, per continuare a sopravvivere e creare le condizioni migliori. Vediamo queste trappole:

 

  • Una trappola appiccicosa: considerate piante come la drosera. Queste piante hanno foglie appiccicose con cui trattengono gli insetti. Quando l'insetto è intrappolato, ripiegano le foglie completamente intorno all'insetto e il processo di digestione può iniziare.
  • Una trappola a schiaffo: forse la pianta carnivora più iconica, la trappola di Venere, nota anche come Dionaea Muscipula, utilizza un meganismo a schiaffo per catturare le sue prede. La trappola di Venere è dotata di minuscoli peli di innesco nella bocca. Quando questi vengono toccati due volte nell'arco di 20 secondi, la trappola si chiude. Non viene toccata due volte entro 20 secondi? Allora la trappola per mosche veneri si resetta. Per questo motivo, si dice anche che questa pianta sappia contare.
  • La trappola a gabbia: in questo caso si pensi alla pianta a trombetta. Queste piante hanno creato una trappola che si presenta come un lungo tubo in cui gli insetti scivolano e vengono digeriti.

Il processo digestivo

Ora, oltre alla cattura, arriva il processo più importante per ogni pianta carnivora, la digestione. Questo processo è ovviamente diverso per ogni pianta carnivora, ma vi daremo un'idea generale di ciò che accade in seguito:

La trappola si chiude: una volta che un insetto si è fatto strada in una posizione in cui potrebbe fare un altro tentativo di fuga, la pianta chiude la sua trappola. In questo modo si blocca ogni tentativo di fuga dell'insetto.

Secrezione di enzimi digestivi: durante il processo di digestione, la pianta rilascia degli enzimi che disgregano lentamente l'insetto. Questi enzimi dissolvono le parti molli dell'insetto e permettono alla pianta di assorbire i nutrienti.

Assorbimento dei nutrienti: I nutrienti scomposti dagli enzimi vengono assorbiti dalle foglie della pianta.

Riapertura della trappola: dopo la digestione, la pianta riapre lentamente la sua trappola per la preda successiva.

Qual è il ruolo della pianta carnivora nell'ecosistema?

Le piante carnivore svolgono un ruolo importante nel loro ecosistema. Insieme ad altre piante e animali, regolano la popolazione di insetti. Inoltre, forniscono un habitat piccolo e unico per alcuni insetti e altri piccoli animali. Per esempio, si consideri una pianta carnivora con una trappola, riempita d'acqua, di cui altri animali possono rifocillarsi.

Conclusione:

Il mondo delle piante carnivore è affascinante, noi di Carnivory.eu lo sappiamo bene e siamo felici di condividerlo con voi. Dopo tutto, il mondo delle piante carnivore è un meraviglioso esempio di evoluzione e capacità di sopravvivenza. Le piante carnivore continuano a stupirci e a ispirarci con il loro modo unico di vivere e il loro importante ruolo in natura.

Lascia un commento

*Uw e-mailadres wordt niet gepubliceerd

* Campi obbligatori

Confronta i prodotti Delete all products

You can compare a maximum of 3 products

    Hide compare box
    Vleesetendeplant.nl 4,9 / 5 - 260 Recensioni @ Google mijn Bedrijf